Loading...

MODENA E PAVAROTTI – IL MAESTRO, IL SUO TEATRO, LA SUA CASA

Home / News / MODENA E PAVAROTTI – IL MAESTRO, IL SUO TEATRO, LA SUA CASA

Al Comunale di corso Canalgrande, intitolato al tenore, visite guidate alla struttura e a un allestimento con foto, video e ricordi. Nella Casa museo si scopre l’uomo, oltre l’artista

 
Un percorso espositivo dedicato al Maestro sarà allestito nelle sale del ridotto del Teatro Comunale “Luciano Pavarotti” di Modena dal 4 settembre al 31 ottobre, durante lo svolgimento di Expo 2015 a Milano. Vi saranno esposte fotografie che testimoniano la presenza di Pavarotti nel teatro modenese di corso Canalgrande in occasione di opere e concerti. A queste si aggiungeranno oggetti personali del Maestro prestati dalla Casa museo Pavarotti, e un video sulla celebrazione a Modena del quarantennale della carriera del Maestro con il tenore protagonista.
La visita al Teatro intitolato al Maestro, con il quale ha sempre mantenuto uno stretto legame artistico e personale, si configura come una sorta di preludio in centro storico a una potenziale successiva visita alla Casa museo Luciano Pavarotti di stradello Nava.
Luciano Pavarotti nel teatro che oggi porta il suo nome debutta in un’opera lirica il 4 maggio 1961 con Bohème, subito dopo il debutto al Valli del 29 aprile; ritorna nel ‘62 ancora con Bohème e nella stagione 64-65 con il Rigoletto. Tra le tante esibizioni in opere e concerti c’è la Bohème con Mirella Freni nella stagione 67-68; nella stagione 78-79 è in concerto ancora con la Freni; è della stagione 84-85 il suo concerto in piazza Grande a Ferragosto; nella stagione 85-86 torna in Bohème con Fiamma Izzo; in quella 98-99 tiene il concerto d’inaugurazione dopo il restauro del teatro, dove nella stagione 2000-2001 celebra i quarant’anni di carriera.
Il percorso, che comprende la visita al teatro voluto dai Duchi Estensi e anche ai suoi spazi sconosciuti al pubblico, tra i quali le sartorie e la grande sala dove si realizzano le scenografie, sarà aperto tutti i venerdì, sabato e domenica (con possibilità di prenotare per gruppi anche in altri giorni) per massimo 35 persone a visita, della durata di circa 45 minuti, con inizio alle 11, alle 12, alle 16 e alle 17 al costo di 5 euro ad ingresso. Per i visitatori stranieri sono a disposizione schede, che consentono di seguire le descrizioni della guida, in inglese, tedesco e francese. Informazioni via email (promozione@teatrocomunalemodena.it) o per telefono allo 059 2033003.
La Casa Museo di Luciano Pavarotti in stradello Nava, nelle campagne alle porte della città, grazie a un allestimento che conserva tanto dell’abitazione dove il Maestro ha vissuto con la famiglia gli ultimi anni di vita, permette di conoscere l’uomo e l’artista  Pavarotti.
La visita alla casa, che fu progettata seguendo i dettami e le indicazioni forniti dal Maestro stesso agli architetti e agli artigiani, consente di scoprire Pavarotti alla luce più intima e calda delle sue stanze, di avvicinarsi garbatamente alla sua memoria ammirando i suoi oggetti personali, conoscendo le sue abitudini quotidiane, scoprendo l’uomo di casa smessi i panni del grande artista.
Si possono, inoltre, ammirare i suoi abiti di scena più famosi, le foto e i video che hanno scandito la sua parabola artistica, gli innumerevoli premi e riconoscimenti, i cimeli di una carriera lunga più di quarant’anni nei teatri d’opera di tutto il mondo.
La Casa museo è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19 con ultimo ingresso alle 18. è inserita nel pacchetto “Discover  Ferrari & Pavarotti Land”, ma è anche visitabile singolarmente da turisti individuali. L’ingresso in questo caso costa 8 euro (ridotto 6, gratis per bambini sotto i 12 anni). Il prezzo del biglietto è comprensivo dell’audioguida (in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, russo, arabo, cinese) o della app Pavarotti che contiene il percorso di visita guidata alla Casa museo.
La Casa museo Luciano Pavarotti si trova in Stradello Nava 6 a Modena. Tel. 059 460778 (www.casamuseolucianopavarotti.itinfo@casamuseolucianopavarotti.it).