Scroll to top

Gran Concerto lirico sinfonico in ricordo di Luciano Pavarotti | Piazza Giovanni XXIII, Manfredonia


Gran Concerto lirico sinfonico   in ricordo di Luciano Pavarotti | Piazza Giovanni XXIII, Manfredonia

Una piazza gremita e assorta nel cuore di Manfredonia ha assistito al Gran Concerto lirico sinfonico  in ricordo di Luciano Pavarotti.

A esibirsi sul palco : Antonella Tegliafilo (soprano), Francesca Cappelletti (soprano), Luigi Cirillo (baritono), Francesco Ellero D’Artegna (basso), Domenico Tegliafilo (tenore) e Simona Todaro (soprano), tutti ex allievi del Maestro Pavarotti, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica “Umberto Giordano” di Foggia, diretta dal Maestro Giuseppe Acquaviva.

Il concerto ha rappresentato il momento clou dell’evento “Ricordando il maestro Luciano Pavarotti” fortemente voluto dal sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi e organizzato in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti e l’International Association Canto e Musica.

Dopo il Preludio tratto dalla Carmen di Bizet, la serata è stata un crescendo di emozioni sulle note del Don Giovanni di Mozart, con incursioni nella Tosca di Puccini,  e intermezzi tratti dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni.

E mentre …Lucean le stelle, applausi ininterrotti accoglievano le esibizioni alternate dei cantanti, fino all’exploit finale del Libiamo ne’ lieti calici, che ha chiuso il concerto con richiesta di bis.

Una serata preziosa, presentata con garbo nell’incantevole cornice di Piazza Giovanni XXIII che, in un afflato corale di consensi ed esortazioni, ha confortato l’Amministrazione comunale e la Fondazione Luciano Pavarotti a proseguire sulla strada della cultura e dell’arte.

La casa di Pavarotti vuole continuare a essere la casa dei giovani, di cui il Maestro ha coltivato la voce, gli entusiasmi, ha avvertito i timori ma anche l’impegno e l’umiltà di chi cerca di mettersi in gioco”, ha commentato la signora Nicoletta Mantovani, presidente della Fondazione intitolata al tenore, salita sul palco alla fine del concerto insieme al sindaco Riccardi, “un sindaco da encomiare, perché crede nella forza costruttiva della musica e di iniziative come questa”.

L’iniziativa è proseguita nei giorni seguenti presso il Castello di Manfredonia, dove era stata allestita la mostra-viaggio nella carriera del tenore: abiti di scena, onorificenze, spartiti, lettere da celebri personalità internazionali, fotografie e filmati, per rivivere le grandi interpretazioni con cui Pavarotti ha emozionato il mondo.

test
È stato portato alla nostra attenzione che una signora sostiene di essere nipote del Maestro Pavarotti quando in realtà non lo è.
In talune circostanze, tale persona ha presumibilmente sfruttato questo falso legame per ottenere denaro e benefici.

Se avete dubbi e desideriate verificare se certi individui siano effettivamente affiliati alla famiglia o alla fondazione Pavarotti, non esitate a contattarci scrivendo a: info@lucianopavarottifoundation.com