Scroll to top

Casa Museo Luciano Pavarotti | Google Arts & Culture


Casa Museo Luciano Pavarotti | Google Arts & Culture

Fondazione Luciano Pavarotti insieme a Google Arts & Culture porta online Casa Museo Luciano Pavarotti

Disponibili su Google Arts & Culture oltre 160 immagini provenienti dall’ultima residenza del tenore, oggi un apprezzato museo

Casa Museo Luciano Pavarotti, a Modena, entra a far parte di Google Arts & Culture, la piattaforma tecnologica sviluppata da Google per promuovere e preservare la cultura online, con una Collezione digitale di oltre 160 immagini.

La Collezione digitale

La prima fase dei lavori ha portato alla creazione di un’ampia galleria di immagini che accompagnano il visitatore virtuale all’interno di quella che è stata l’ultima residenza che il tenore modenese ha chiamato “casa” (e dove egli è mancato, il 6 Settembre 2007). L’edificio è come egli lo ha lasciato ed è possibile avvertire la sua presenza in ogni dettaglio, poiché ogni singolo oggetto ha una storia da raccontare.

La Mostra digitale di costumi e premi

All’interno della galleria di immagini sono presenti anche molti ritratti del Maestro Pavarotti in abiti di scena, mentre interpreta sul palco alcuni dei ruoli che lo hanno reso il tenore più famoso ed amato del secondo Novecento: dal Rodolfo de La Bohème al Nemorino dell’Elisir d’amore, dal Cavaradossi di Tosca al Canio de I Pagliacci e Grimaldo de La Gioconda, e molti altri ancora.

Tra le storie in evidenza anche quella che racconta di alcuni dei numerosi premi che il Maestro ha ricevuto durante la sua carriera (nel corso della quale gli sono stati attribuiti circa 400 onorificenze). Troviamo rappresentati, ad esempio, i Grammy Awards, gli Emmy Awards, il Kennedy Center Honors e il Nansen Refugee Award, la nomina a Messaggero di Pace delle Nazioni Unite, il World Social Award, numerose medaglie, targhe, oltre cento chiavi delle città e molti altri riconoscimenti ancora.

La collezione dei quadri “LUPA”

Tra le immagini dei numerosi cimeli, premi, fotografie e memorabilia custoditi all’interno della Casa Museo – dal fazzoletto bianco alle agende private, dagli spartiti ai costumi originali delle opere interpretate – spicca la ricca collezione di quadri dipinti dal tenore. Per un lungo periodo, infatti, la pittura è stata uno degli hobby prediletti e da questo passatempo è nata una piccola collezione. Il Pavarotti pittore si firmava LUPA (dalle iniziali del nome e del cognome) e i suoi quadri sono colorati, solari e pieni di vitalità… proprio come spesso il tenore descriveva se stesso.

Google Arts & Culture

Google Arts & Culture è la piattaforma di Google che permette agli utenti di esplorare le opere d’arte, i manufatti e molto altro tra oltre 2000 musei, archivi e organizzazioni da 80 paesi che hanno lavorato con il Google Cultural Institute per condividere online le loro collezioni e le loro storie. Disponibile sul Web da laptop e dispositivi mobili, o tramite l’app per iOS e Android, la piattaforma è pensata come un luogo in cui esplorare e assaporare l’arte e la cultura online. Google Arts & Culture è una creazione del Google Cultural Institute.

 
È stato portato alla nostra attenzione che una signora sostiene di essere nipote del Maestro Pavarotti quando in realtà non lo è.
In talune circostanze, tale persona ha presumibilmente sfruttato questo falso legame per ottenere denaro e benefici.

Se avete dubbi e desideriate verificare se certi individui siano effettivamente affiliati alla famiglia o alla fondazione Pavarotti, non esitate a contattarci scrivendo a: info@lucianopavarottifoundation.com