Scroll to top

Luciano – Un abbraccio senza confini | Modena


Luciano - Un abbraccio senza confini | Modena

La Fondazione Luciano Pavarotti, in collaborazione con il Comune di Modena e grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ha reso omaggio alla memoria del Maestro Pavarotti con un concerto che ha visto protagonista un’artista di straordinario talento, la signora della canzone italiana, amatissima dal pubblico: FIORELLA MANNOIA.
Insieme a lei, si sono esibiti sul palco anche l’esponente della nuova generazione di cantautori italiani, Giovanni Caccamo e il tenore abile a mescolare la lirica con sonorità più pop, Lorenzo Licitra; al concerto hanno preso parte altresì i talenti emergenti del panorama lirico che la Fondazione Luciano Pavarotti seleziona e promuove ogni anno: il soprano Giulia Mazzola, il tenore Giovanni Infantino. Ospite d’eccezione un carissimo amico della fondazione, collega del Maestro: il tenore Marcello Giordani. Padrona di casa della serata è stata la giornalista Cristina Parodi.
Il concerto si è tenuto presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti la sera del 6 Settembre, nel giorno in cui ricorreva l’XII anniversario della scomparsa. Ad aprire e chiudere la serata è stata la Corale G. Rossini, storica compagine modenese nella quale Pavarotti fece giovanissimo il suo debutto come membro del coro, prima ancora del suo debutto da solista.
“Luciano – Un abbraccio senza confini” ha celebrato l’apertura di mente e di cuore che ha sempre contraddistinto il tenore – sia nella sua vita personale che artistica – portandolo ad accogliere con grande spirito di inclusione nuove idee, nuovi valori, nuove persone, idealmente stringendo tutto e tutti in un grande abbraccio.
Fiorella Mannoia ha spesso espresso, tramite la sua straordinaria arte e la testimonianza personale, lo stesso spirito di accoglienza del Maestro, mostrandosi generosa e aperta come anche lui era, tendendo spesso la mano verso i più bisognosi e prestando la propria voce in difesa di diritti e valori.
Insieme, sul palco modenese del Parco Novi Sad, avevano duettato in una memorabile versione di Caruso in occasione del Pavarotti & Friends 2001 a favore di UNHCR.

Foto: Gianluca Naphtalina Camporesi

test
È stato portato alla nostra attenzione che una signora sostiene di essere nipote del Maestro Pavarotti quando in realtà non lo è.
In talune circostanze, tale persona ha presumibilmente sfruttato questo falso legame per ottenere denaro e benefici.

Se avete dubbi e desideriate verificare se certi individui siano effettivamente affiliati alla famiglia o alla fondazione Pavarotti, non esitate a contattarci scrivendo a: info@lucianopavarottifoundation.com